Le privatizzazioni

A partire dal 1992, con la privatizzazione delle partecipazioni statali, il mercato italiano ricevette un’energica iniezione di liquidità che contribuì all’aumento della capitalizzazione.
Lo stato procedette in questi anni alla collocazione in borsa di alcuni colossi pubblici non quotati, quali Ina ed Eni, e alla vendita di larghe quote di società già iscritte al listino come le principali banche nazionali (Banca Commerciale Italiana, Credito Italiano).

Il Consiglio di borsa e la nascita di un mercato nazionale
La legge 2/1/1991 n.1, entrata in vigore il 1...
Telematizzazione e dematerializzazione degli scambi
Al Consiglio di borsa fu affidato il compito di...
Filmato
Ultimo giorno di contrattazioni alle grida,...