Il boom dei Fondi comuni di investimento

Palazzo Mezzanotte. Operatori al telefono, 1986, Olympia (Archivio Borsa Italiana)Una consistente ripresa del mercato si registrò a partire dal 1983, quando vennero costituiti i primi fondi comuni di investimento di diritto italiano.
I fondi comuni di diritto lussemburghese erano attivi già dalla metà degli anni ’60, ma l’istituzione di quelli italiani ebbe un duplice effetto benefico sulla borsa. In primo luogo i fondi procedettero a massicci acquisti di titoli per costituire i propri portafogli, con positivi effetti sulle quotazioni. Inoltre l’offerta di questi nuovi strumenti di investimento raggiunse un bacino di risparmiatori molto più ampio di quello che operava direttamente sul mercato azionario.

La chiusura della sala delle grida
Nel 1987, per consentire ingenti lavori di...
Gli interventi a sostegno del mercato
Tra la seconda metà degli anni '70 e i...
La visibilità internazionale
Nel corso della seconda metà degli anni...
Il potenziamento delle strutture di servizio
L'espansione del mercato e l'intensificarsi dei...
Filmato
Fra gesti e grida, 1981...