Il peso della normativa fiscale

Nel 1956 furono proposte dal ministro delle Finanze, Roberto Tremelloni, nuove norme tributarie che imponevano agli intermediari di borsa la comunicazione quotidiana di tutti i contratti a termine conclusi.
Le proteste degli agenti di cambio furono immediate e paralizzarono l’attività per qualche mese. L’obbligo venne aggirato introducendo una forma di contratto per contanti a liquidazione differita, che venne definitivamente approvata nel 1958.

Ricostruzione e ripresa degli scambi
Dopo la ricostruzione postbellica, nel volgere di...
Dalla matita copiativa alle schede perforate
Durante la frenetica attività degli anni '50 il...
Filmato
La Borsa,...