La Borsa nel nuovo Regno d'Italia

Società delle Forze idrauliche del Moncenisio, titolo azionario, 1900, in “Le società quotate alla Borsa valori di Milano dal 1861 al 2000”, a cura di Giuseppe De Luca, Centro per la cultura d’impresa – Libri Scheiwiller, 2002, p. 266L’unificazione politica della penisola comportò un sensibile impegno finanziario per il nuovo governo che vi fece fronte con una forte emissione di titoli di debito pubblico.
Negli anni ‘70 dell'Ottocento, accanto a questi titoli comparvero quelli delle prime compagnie ferroviarie e di numerosi istituti di credito.
Le società manifatturiere invece rimasero fuori dal listino per un lungo periodo in virtù delle loro ridotte dimensioni che aiutavano a far fronte alle esigenze di sviluppo tramite le vie dell'autofinanziamento e del prestito bancario. Fu solo al volgere del secolo che la rapida crescita industriale del paese portò anche questo settore a cercare in borsa i finanziamenti necessari: il numero di azioni quotate a Milano passò da 23 a 54 tra il 1895 e il 1900, per raggiungere le 160 nel 1913.

Dai codici di commercio alla Legge del 1913
All'inadeguatezza del quadro normativo,...
La nuova sede e il primato milanese
La crescita impetuosa dell'attività pose...